domenica 31 marzo 2013

BUONA PASQUA 2013




CRISTO E' RISORTO

La Sua presenza si manifesta in ogni cosa ed in ogni essere vivente. 

Cristo è vivo e riempie di gioia i nostri cuori perché noi possiamo continuare a crescere nella gioia e nella grazia di nostro Signore. 

Buona Pasqua a tutto il gruppo di preghiera e che ogni preoccupazione, tristezza e dolore svanisca nella dolcezza del suono delle campane. 

Niente e nessuno potrà separarci dall'amore di Dio. 

TANTI AUGURI DI PACE E SERENITA' da pino tomaselli. 

SANTA PASQUA E PASQUETTA A TUTTI.

sabato 30 marzo 2013

CRISTO RIMETTE I NOSTRI PECCATI




CRISTO RIMETTE I NOSTRI PECCATI


La passione di Cristo è la causa propria della remissione dei peccati per tre motivi. 

Primo, quale incentivo della carità. 

Poiché, come scrive l'Apostolo, " Dio dimostra la sua carità verso di noi, per il fatto che mentre eravamo suoi nemici, Cristo è morto per noi". 

E con la carità noi conseguiamo il perdono dei peccati, secondo le parole evangeliche: 

"Le sono rimessi molti peccati, perché molto ha amato". 

Secondo, la passione di Cristo causa la remissione dei peccati sotto forma di redenzione. 

Egli infatti è il nostro capo, e quindi con la sua passione, accettata per amore e per obbedienza, ha liberato dal peccato noi quali sue membra, offrendola come prezzo del riscatto: 

in modo analogo a quello di chi riscattasse se stesso dai peccati commessi con i piedi mediante un'opera meritoria compiuta con le sue mani. 

Infatti come è unico il corpo fisico formato di membra diverse, così la Chiesa, che è il corpo mistico di Cristo, costituisce come un'unica persona col suo capo che è Cristo. 

Terzo, in quanto questi ne è la causa efficiente: 

poiché il corpo nel quale Cristo ha subito la passione, è "strumento della divinità", cosicché i suoi patimenti e le sue azioni agiscono con la virtù di Dio nella eliminazione del peccato.

venerdì 29 marzo 2013

CRISTO CI LIBERA




CRISTO CI LIBERA


Liberare dai peccati è proprio di Dio; 

poiché sta scritto: 

"Sono io che cancello, per mio amore, le tue iniquità". 

Ora, Cristo ha patito non come Dio, ma come uomo. 

Dunque la sua passione non ci ha liberati dal peccato. 

Ciò che è corporeo non può agire su ciò che è spirituale. 

Ora, la passione di Cristo era corporale: 

mentre il peccato non può risiedere che nell'anima, la quale è una creatura spirituale. 

Dunque la passione di Cristo non poteva mondarci dal peccato. 

Nessuno può essere liberato da peccati che non ha ancora commesso, ma che commetterà in seguito. 

Perciò siccome molti peccati sono stati commessi dopo la passione di Cristo, e si commettono tuttora, è chiaro che non siamo liberati dai peccati dalla passione di Cristo. 

Posta la causa proporzionata e sufficiente non si richiede altro per avere l'effetto. 

Invece si richiedono tuttora altre cose per la remissione dei peccati: 

cioè il battesimo e la penitenza. 

Dunque la passione di Cristo non è la causa sufficiente della remissione dei peccati. 

Sta scritto nei Proverbi: 

"La carità ricopre tutti i peccati"; 

e negli Atti si legge: 

"Con la misericordia e la fede si cancellano i peccati". 

Ora, la fede ha per oggetto molte altre cose, capaci di provocarci alla carità. 

Dunque la passione di Cristo non è la causa propria della remissione dei peccati. 

Nell'Apocalisse si legge: 

"Egli ci ha amato, e ci ha purificato dai peccati nel suo sangue".

mercoledì 27 marzo 2013

GESU' NON SOFFRI' COME DIO



GESU' NON SOFFRI' COME DIO


È vero che Cristo non soffrì come Dio, tuttavia la sua carne era strumento della divinità. 

Ecco perché la sua passione partecipa, come abbiamo detto, della potenza divina nell'eliminare il peccato. 

La passione di Cristo, pur essendo corporale, aveva ricevuto tuttavia una virtù spirituale dalla divinità, cui la carne era stata unita come uno strumento. 

Ed è in forza di tale virtù che la passione di Cristo è causa della remissione dei peccati.

Con la sua passione Cristo ci ha liberati dai nostri peccati in maniera causale, cioè istituendo la causa di tale liberazione, per cui potessero essere rimessi tutti i peccati in qualsiasi momento, fossero essi passati, presenti o futuri: 

come se un medico fabbricasse una medicina capace di guarire qualsiasi malattia, anche futura. 

La passione di Cristo essendo stata posta nel tempo come causa universale per la remissione dei peccati, è necessario che venga applicata a ciascuno per la remissione delle proprie mancanze. 

E questo si compie mediante il battesimo, la penitenza e gli altri sacramenti, i quali devono le loro virtù alla passione di Cristo, come vedremo in seguito. 

La passione di Cristo viene applicata a noi con il godimento dei suoi frutti anche mediante la fede, secondo le parole di S. Paolo: "(Dio) ha posto Cristo come propiziatore mediante la fede nel suo sangue". 

La fede però con la quale siamo mondati dal peccato non è la fede informe, che non è incompatibile con esso, ma è la fede informata dalla carità: 

in modo che la passione di Cristo ci venga applicata non solo nell'intelligenza, ma anche nella volontà. 

E in tal modo i peccati vengono rimessi in virtù della passione di Cristo.

martedì 26 marzo 2013

LA PASSIONE CI LIBERA DAL DEMONIO




Dalla passione di Cristo siamo liberati dal potere del demonio


Sembra che dalla passione di Cristo noi non siamo liberati dal potere del demonio.  

Non ha su altri nessun potere, chi non può esercitarlo senza il permesso di un altro. 

Ma il demonio non ha mai potuto far nulla contro l'uomo, senza una permissione divina: il che è evidente nel caso di Giobbe, che fu colpito per tale licenza prima negli averi e poi nel corpo. 

Così pure nel Vangelo si legge che i demoni non poterono entrare nei porci, se non col permesso di Cristo. 

Dunque il demonio non ha mai avuto il potere sugli uomini. E quindi la passione di Cristo non poteva liberarci dal potere del demonio.

Il demonio esercita il suo potere sull'uomo tentandolo e vessandolo fisicamente. 

Ma questo egli continua a farlo dopo la passione di Cristo. Dunque tale passione non ci ha liberati dal suo potere. 

La virtù della passione di Cristo dura in perpetuo, secondo le parole di S. Paolo: "Con una sola oblazione egli ha resi perfetti per sempre coloro che sono stati santificati". 

Ora, la liberazione dal potere del demonio non si è avuta dovunque, perché in molte parti del mondo ci sono ancora gli idolatri; 

e neppure sarà perpetua, perché al tempo dell'Anticristo il demonio eserciterà più che mai il suo malefico potere sugli uomini; 

avendo scritto S. Paolo che "la venuta dell'Anticristo sarà secondo l'operazione di Satana con ogni sorta di miracoli, di segni e di prodigi menzogneri, e in ogni seduzione d'iniquità". 

Perciò la passione di Cristo non può considerarsi causa della liberazione del genere umano dal potere del demonio. 

Nell'imminenza della passione il Signore affermava: "Adesso il principe di questo mondo sarà cacciato fuori; ed io quando sarò innalzato da terra trarrò tutto a me". 

Ora, egli fu esaltato da terra con la morte di croce. 

Dunque la sua passione ha cacciato il demonio dal suo potere sugli uomini.

lunedì 25 marzo 2013

IL DEMONIO AVEVA INFLUENZA





PRIMA DI CRISTO IL DEMONIO AVEVA INFLUENZA TOTALE SULL'UOMO

Nel potere che il demonio esercitava sugli uomini prima della passione di Cristo si devono considerare tre cose. 

Primo, in rapporto all'uomo si deve notare che costui col suo peccato aveva meritato di esser consegnato al potere del demonio, di cui aveva subito la tentazione. 

- Secondo, in rapporto a Dio, che l'uomo aveva offeso col peccato, va notato che egli per giustizia aveva abbandonato l'uomo al potere del demonio.  

Terzo, in rapporto al demonio stesso, si noti che questi con la sua perversa volontà impediva l'uomo di conseguire la salvezza. 

Ebbene, rispetto alla prima di codeste cose l'uomo fu liberato dal potere del demonio mediante la passione di Cristo, in quanto la passione ha causato la remissione dei peccati, come sopra abbiamo spiegato. 

- Rispetto alla seconda si deve concludere che la passione di Cristo ci ha liberati dal peccato, in quanto ci ha riconciliati con Dio, come vedremo in seguito. 

- E rispetto alla terza va notato che la passione di Cristo ci ha liberati dal potere del demonio, in quanto questi nella passione di Cristo passò i limiti del potere a lui concesso da Dio, tramando la morte di Cristo, il quale era immune da essa essendo senza peccato. 

Di qui le parole di S. Agostino: "Il demonio è stato vinto dalla giustizia di Cristo; 

poiché non avendo trovato in lui niente che fosse degno di morte, tuttavia l'uccise. 

Perciò era giusto che venissero liberati i debitori che egli teneva in suo potere, purché credano in colui che egli aveva ucciso senza alcun debito". 

Si dice che il demonio aveva il potere sugli uomini non nel senso che poteva nuocere, senza il permesso di Dio. Ma perché con giustizia gli era stato permesso di nuocere agli uomini, che con la tentazione aveva trascinato a fare la sua volontà. 

Anche adesso, permettendolo Dio, il demonio può tentare gli uomini nell'anima e vessarli nel corpo: 

ma con la passione di Cristo è stato preparato per l'uomo un rimedio col quale si può difendere dagli assalti del nemico, in modo da non esser travolto nell'eterna morte. 

E quanti prima della passione di Cristo hanno resistito al demonio, hanno potuto farlo per la fede nella sua passione: 

sebbene nessuno abbia potuto sfuggire del tutto dalle mani del demonio, non essendo ancora avvenuta la passione, cioè nessuno ha potuto evitare di discendere agl'inferi. 

Da ciò invece gli uomini possono difendersi dopo la passione di Cristo, per la virtù di essa. 

Secondo i suoi occulti giudizi, Dio permette che il demonio possa ingannare gli uomini in date circostanze di persona, di tempo e di luogo. 

Tuttavia con la passione di Cristo sarà sempre pronto per gli uomini il rimedio per difendersi contro le seduzioni del demonio, anche al tempo dell'Anticristo. 

Ma il fatto che alcuni trascurano questo rimedio, non toglie nulla all'efficacia della passione.

domenica 24 marzo 2013

LA PASSIONE DI CRISTO LIBERA DALL'INFERNO?




LA PASSIONE DI CRISTO NON CI HA LIBERATO DALL'INFERNO

Infatti il castigo principale del peccato è la dannazione eterna. 

Ma quelli che per i loro peccati erano condannati all'inferno non ne sono stati liberati dalla passione di Cristo: poiché "nell'inferno non c'è redenzione". 

Dunque la passione di Cristo non ha liberato gli uomini dal meritato castigo. 

A coloro che sono affrancati dal gravame della pena non si deve imporre nessuna penitenza. 

Invece ai penitenti viene imposta una penitenza satisfattoria. 

Quindi gli uomini per la passione di Cristo non sono affrancati dal gravame della pena. 

La morte è tra i castighi del peccato, come dice S. Paolo: "Il salario del peccato è la morte". 

Ma gli uomini dopo la passione di Cristo continuano a morire. 

Dunque la passione di Cristo non ci ha liberati dal meritato castigo. 

Sta scritto: "Veramente egli si è caricato delle nostre infermità e si è addossato i nostri dolori".

La passione di Cristo ci ha affrancati dal meritato castigo in due maniere. 

Primo, direttamente: 

cioè per il fatto che essa fu una soddisfazione proporzionata e sovrabbondante per i peccati di tutto il genere umano. 

E una volta data l'adeguata soddisfazione, viene a cessare l'esigenza del castigo. - 

Secondo, indirettamente: 

cioè per il fatto che la passione di Cristo causa la remissione del peccato, su cui si fonda il reato o debito di pena.

sabato 23 marzo 2013

LA PASSIONE DI CRISTO PRODUCE EFFETTO




La passione di Cristo produce il suo effetto

In coloro cui viene applicata mediante la fede e la carità, e mediante i sacramenti della fede. 

Perciò i dannati dell'inferno, non avendo un contatto del genere con la passione di Cristo, non possono conseguirne gli effetti. 

Per conseguire gli effetti della passione di Cristo, è necessario, come abbiamo notato sopra, che ci conformiamo o configuriamo a lui. 

Ora, la configurazione sacramentale con lui avviene col battesimo, secondo le parole di S. Paolo: "Noi siamo stati sepolti con lui per il battesimo nella morte". 

Ecco perché ai battezzati non s'impone nessuna penitenza satisfattoria: poiché essi sono affrancati totalmente dalla soddisfazione di Cristo. 

Ma poiché, a detta di S. Pietro, "Cristo una volta soltanto è morto per i nostri peccati", il cristiano non può essere configurato una seconda volta alla morte di Cristo con il sacramento del battesimo. 

Perciò coloro che peccano dopo il battesimo, devono conformarsi al Cristo sofferente, mediante le penalità e le sofferenze che essi devono sopportare. 

Ne bastano però molto meno di quelle che sarebbero richieste dal peccato, perché suffragate dalla soddisfazione data da Cristo. 

La soddisfazione di Cristo ha effetto in noi, come sopra abbiamo notato, in quanto siamo incorporati a lui come le membra al capo. 

Ma è necessario che le membra siano conformi al capo. 

Quindi come Cristo in un primo tempo ebbe la grazia nell'anima unita alla passibilità del corpo, e giunse alla gloria dell'immortalità mediante la passione: 

così anche noi che ne siamo le membra siamo liberati mediante la passione dal reato di qualsiasi pena, però in modo da ricevere prima nell'anima "lo spirito di adozione proprio dei figli", che ci assicura l'eredità della gloria immortale, pur avendo ancora un corpo passibile e mortale; 

e solo in seguito, "configurati alle sofferenze e alla morte di Cristo", siamo condotti alla gloria immortale, secondo le parole dell'Apostolo: 

"Se siamo figli di Dio, siamo anche eredi, eredi di Dio e coeredi di Cristo: 

purché soffriamo con lui, per essere con lui glorificati".

venerdì 22 marzo 2013

LA PASSIONE DI CRISTO CI RICONCILIA




La passione di Cristo ci ha o no riconciliati con Dio

SEMBRA che la passione di Cristo non ci abbia riconciliati con Dio. 

Infatti:
La riconciliazione non può aver luogo tra amici. 

Ora, Dio ci ha amati sempre, secondo le parole della Sapienza: "Tu ami tutto ciò che esiste, e niente di ciò che hai fatto tu l'hai odiato". 

Perciò la passione di Cristo non ci ha riconciliati con Dio.

Una cosa non può essere nello stesso tempo principio ed effetto: la grazia infatti, che è principio del merito, non può essere meritata.

Ma l'amore di Dio è principio della passione di Cristo, secondo l'affermazione evangelica: 

"Dio ha tanto amato il mondo, da dare per esso il Figlio suo unigenito". 

Perciò dalla passione di Cristo non possiamo essere stati riconciliati con Dio, in modo che egli per essa abbia cominciato ad amarci nuovamente.

La passione di Cristo è stata compiuta dai suoi crocifissori, i quali per questo offesero gravemente Dio. 

Dunque la passione di Cristo fu piuttosto causa di sdegno che di riconciliazione da parte di Dio. 

L'Apostolo insegna: "Siamo stati riconciliati con Dio dalla morte del suo Figliolo". 

La passione di Cristo è causa della nostra riconciliazione con Dio per due motivi. 

Primo, perché cancella il peccato, dal quale gli uomini sono resi nemici di Dio, come si legge ripetutamente nella Scrittura: "Dio odia ugualmente l'empio e la sua empietà"; "Tu hai in odio quanti operano l'iniquità". 

Secondo, perché essa è un sacrificio graditissimo a Dio. 

Effetto proprio, infatti, del sacrificio è di placare Dio: 

come l'uomo, del resto, talora condona l'offesa ricevuta per un gradito atto di ossequio che gli viene prestato. 

Di qui le parole della Scrittura: 

"Se il Signore ti eccita contro di me, gradisca il profumo del sacrificio". 

Ora, che Cristo abbia patito volontariamente fu un bene così grande, che per codesto bene riscontrato nella natura umana Dio si è placato per tutte le offese ricevute dal genere umano, rispetto a quanti sono uniti al Cristo sofferente nella maniera che sopra abbiamo indicato.

giovedì 21 marzo 2013

DIO AMA TUTTI GLI UOMINI




Dio ama tutti gli uomini per la natura che egli stesso ha creato.


Ma li odia per la colpa, che essi commettono contro di lui, secondo le parole dell'Ecclesiastico: 

"L'Altissimo ha in odio i peccatori". 

Si dice che Cristo ci ha riconciliati con Dio non già nel senso che questi di nuovo ha ricominciato ad amarci; poiché sta scritto: 

"Ti ho amato con un amore perenne". 

Ma per il fatto che la passione di Cristo ha tolto la causa dell'odio: 

sia con la cancellazione del peccato, sia con la compensazione di un bene più gradito. 

Come erano uomini gli uccisori di Cristo, così era uomo il Cristo crocifisso. 

Però la carità di Cristo sofferente era superiore all'iniquità dei suoi crocifissori. 

Perciò la passione di Cristo ebbe maggiore efficacia nel riconciliare Dio con tutto il genere umano, di quanto l'ebbe nell'eccitarne lo sdegno.

Se Cristo con la sua passione ci abbia aperto le porte del cielo SEMBRA che Cristo con la sua passione non ci abbia aperto le porte del cielo. 

Infatti: Nei Proverbi si legge: "Per chi semina la giustizia la ricompensa è sicura". 

Ma ricompensa dei giusti è l'ingresso nel regno dei cieli. 

Quindi gli antichi Patriarchi, i quali fecero le opere della giustizia, avrebbero conseguito l'ingresso nel regno dei cieli, anche senza la passione di Cristo. 

Dunque quest'ultima non è la causa che apre le porte del regno dei cieli.

Elia, come si legge nel Libro dei Re, fu rapito in cielo prima della passione di Cristo. 

Ora, l'effetto non può precedere la causa. 

Dunque l'apertura delle porte del cielo non è effetto della passione di Cristo. 

Come si legge nel Vangelo, al battesimo di Cristo "si aprirono i cieli". 

Ma il battesimo ha preceduto la passione. 

Quindi l'apertura dei cieli non è un effetto della passione di Cristo.