sabato 12 aprile 2014

LA GIUSTIZIA E' GRAZIA



LA GIUSTIZIA E' GRAZIA


La giustizia, quindi, è grazia di Dio, non conquista d'Israele, è dono divino estremamente generoso e non conquista umana. 

Il possesso della terra era il segno e simbolo di tale azione divina. 

Dio lo aveva dato gratuitamente al suo popolo, perché è fedele alle promesse che aveva fatto ai loro padri.

Dio si rivolgeva al popolo peccatore e lo rendeva giusto, gli dava la giustizia donandogli la terra. 

Israele, quindi, è giustificato da Dio per pura grazia, per cui deve attuare al suo interno la stessa compassione, misericordia, fedeltà comunitaria verso tutti i poveri, umili e sofferenti (Am 2,6; 5,7. 12. 24; 6,12). 

Tale giustizia, che è dono divino, è la condizione per la comunione con Dio, la pace e la prosperità anche economica, politica e sociale. 

Israele e Gerusalemme, divenuti corrotti, saranno resi giusti dall'intervento risanatore di Dio (Is 1, 21-27).

Poiché la giustizia viene da Dio solo, il popolo deve convertirsi a lui, ossia aprirsi a lui e accoglierne il dono cambiando vita.

Nei profeti la giustificazione è il piano e l'azione salvifica di Dio, per tutti coloro che sono lontani dalla giustizia (Is 46,12). 

Nei Salmi essa equivale a quello che Dio realizza per l'uomo, nell'ambito sia personale che comunitario (Sal 9,9; 96,13; 98,9). 

La proclamazione che sovente troviamo in essi, di "essere giusto", va interpretata come volontà di accogliere la giustizia divina, per cui giusto è sinonimo di credente (Sal 1,5-6; 32,11; 331,1). 

La letteratura sapienziale tende a identificare la giustizia con la sapienza. Gli sforzi dell'uomo per capire la realtà, il mondo e la storia sono vani, perché il senso di tutto ciò gli sfugge e solo Dio lo conosce.

L'uomo deve imparare ad affidarsi a Dio e a ricevere da lui tutto quello che gli dà (Qohelet). 

Il libro della Sapienza potrebbe riassumersi nella frase che "conoscere Dio è perfetta giustizia e riconoscere la sua potenza è radice d'immortalità" (15,3). 

La sapienza dà la giustizia e questa conferisce la vita immortale e beata.

L'ingiustizia è la forza al servizio dell'egoismo, mentre la giustizia è l'amore al servizio della vita. 

Poiché in Dio la giustizia è la potenza del suo amore, che salva perdonando, la giustizia dell'uomo non può essere che amore e perdono reciproco. 

Nessun commento:

Posta un commento