domenica 15 giugno 2014

ANALOGIA MOTO



ANALOGIA MOTO


Ora, sempre basandoci sull’analogia con il moto dal contrario al contrario, possiamo individuare nella giustificazione i seguenti momenti.

Primo momento. 

La mozione del movente e a questa corrisponde l’infusione della grazia (la motio Dei moventis).

Secondo momento. 

Il motus mobilis (il moto del mobile), che si sdoppia, ovvero c’è un recedere dal termine a quo (dal punto di partenza), che è la contrizione.

Sottinteso: in Lutero. 

Nel senso di: non capiscono.  

Moto del libero arbitrio verso Dio.

Moto del libero arbitrio verso il peccato. 

Il perdono dei peccati. 

Il conseguimento della grazia. 

Verso cui. Da cui. 

Del moto del libero arbitrio verso la giustificazione. Ossia del libero arbitrio.

Terzo momento.

L’accesso al punto di arrivo, ossia al termine ad quem, a cui corrisponde la fede formata.

Quarto momento. 

E’ il terminus motus (termine del moto), in cui il moto si quieta, ovvero la consumazione del moto e il raggiungimento del fine, che è appunto la remissione dei peccati.

Tutto il movimento della giustificazione si compie dunque nella remissione dei peccati.


Nessun commento:

Posta un commento