giovedì 24 luglio 2014

ADAMO CREATO IN GRAZIA



ADAMO CREATO IN GRAZIA

L’ipotesi è questa. Notate come anche S.Tommaso crede con fede cattolica che il primo uomo è stato creato in grazia. 

E’ convinto che la Scrittura ci parli di una creazione dell’uomo, il quale, nel primo istante della sua esistenza, si è trovato in stato di grazia.

Tuttavia Iddio non è stato obbligato a creare l’uomo in grazia. La libertà di Dio sta sempre molto a cuore a S.Tommaso. 

Essa ha fatto sì che Dio avrebbe potuto creare l’uomo nell’integrità della sua natura, nella pienezza della sua libertà, però senza il dono della divina partecipazione, della divina amicizia. 

Secondo questa ipotesi, l’uomo, nel primo istante della creazione, avrebbe avuto il possesso della sua natura umana, ma non sarebbe stato partecipe tramite la grazia della natura divina. 

Ora, se Iddio gli avesse dato in un secondo momento questa stessa soprannaturale partecipazione di Sè, cioè di Dio, si tratterebbe di un moto non dal contrario al contrario, ma dalla pura assenza della grazia alla presenza della medesima nell’anima dell’uomo. 

Il passaggio sarebbe stato dalla assenza alla presenza.

Per spiegare questo fatto servirebbe il modello analogico del moto sostanziale, cioè della generazione, della semplice generazione. 

L’altro modello fisico del movimento, più complesso e anche più accidentale è il movimento dal contrario al contrario. 

Prendiamo per esempio un cambiamento di qualità, dal contrario al contrario: 

se uno prende il sole d’estate, passa dal colore normale allo stato di abbronzatura. 

Nessun commento:

Posta un commento