mercoledì 2 luglio 2014

PERDONARE L'OFFESA



PERDONARE L'OFFESA


S.Tommaso precisa ad primum che il perdonare l’offesa richiede sempre una benevolenza speciale, non basta cioè un atteggiamento di indifferenza. 

Per perdonare non basta far finta di niente, ma bisogna assumere un atteggiamento di benevolenza particolare verso chi ci ha offeso.

Perciò prima del peccato l’uomo avrebbe potuto esser privo sia del peccato che della grazia. 

Prima del peccato l’uomo poteva essere in questo stato di indifferenza: e senza peccato e senza grazia.

Ma dopo il peccato la colpa non può essere rimessa se non con l’infusione della grazia. 

Perciò, se l’uomo fosse costituito solo nell’integrità della sua natura senza la grazia santificante, non avrebbe avuto il peccato, ma non avrebbe avuto neanche la grazia: sarebbe stato in uno stato di indifferenza. 

Dopo il peccato, invece, la remissione non è possibile se non con questo amore di Dio per l’uomo, con l’infusione della grazia.

Ad secundum: 

Come l’amore di Dio non consiste solo nell’atto della volontà divina, ma comporta anche l’effetto della grazia, come si è detto in precedenza, così anche il fatto che Dio non imputi il peccato all’uomo comporta un certo effetto in colui stesso il cui peccato non è imputato. 

Ma il fatto che ad uno non venga imputato da Dio il peccato procede dalla dilezione divina.


Questa è l’esplicitazione di tutta la disputa attorno al Concilio di Trento contro il protestantesimo. 

E’ interessante come a distanza di secoli S.Tommaso abbia saputo anticipare questa questione: qui si parla esplicitamente della non imputazione. 

La stessa non imputazione, il non imputare il peccato, che è proprio il cavallo di battaglia di Lutero, cioè che Iddio perdona non imputando, perchè la stessa non imputazione di biblica memoria (ad Abramo fu imputato come giustizia), ebbene lo stesso non imputare il peccato e imputare come giustizia è un qualche cosa che procede da questa divina dilectione.

Ma questa divina dilezione è sempre l’infusione della grazia. 

Nessun commento:

Posta un commento