lunedì 20 ottobre 2014

LA TRIBOLAZIONE DELLA MORTE



LA TRIBOLAZIONE DELLA MORTE


È vero: "per entrare nel Regno di Dio è necessario attraversare molte tribolazioni" (At. 14, 22). L'ultima, la più dolorosa e straziante, è la morte.

Ma chi si è posto alla sequela di Cristo, vede la propria morte proiettata sempre più nella morte redentrice del suo Maestro e Salvatore.

Egli, avendo assunto su di sé tutti i peccati dell'uma­nità, si assume anche, nella radicale obbedienza al Padre, la nostra morte, che ne è l'effetto più eclatante. Così, Gesù redime anche la morte, trasformandola, con la sua Resurrezione, in un passaggio alla VITA ETERNA.

L'anima, che ha percorso ormai tutte le tappe del Cam­mino Spirituale, teme sì il giudizio di Dio, che segue alla morte, perché ha preso sempre più coscienza delle proprie colpe. 

Ma non vive nell'angoscia e nella paura, perché ha scoperto che "abbiamo un Avvocato presso il Padre, Gesù Cristo giusto. Egli è vittima di espiazione per i nostri peccati" (I Gv. 2,1-2). 

Offre continuamente al Pa­dre il prezzo del suo sangue preziosissimo come riscatto per la nostra purificazione e per la nostra salvezza. 

Quello stesso Gesù, che ha patito la croce per tutti gli uomini peccatori, l'anima lo sente sempre accanto a sé che la guida, la precede, la conforta, l'accompagna.


È Lui che invita tutti, con parole dolci e incoraggianti, a perseverare nella fede fino alla fine, assicurando come eredità il suo Regno di Amore, che si trasforma in Bea­titudine eterna.

"Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in Me. Nella casa del Padre mio vi sono molti posti.

Se no, ve l'avrei detto. Io vada a prepa­rarvi un posto... poi ritornerò e vi prenderò con me, per­ché siate anche voi dove sono Io" (Gv. 14,1-3).


Giunti ormai verso la conclusione VITA SPIRITUALE, vogliamo riportare un Te­stamento anonimo, alquanto significativo. 

Lo ricopiamo così come lo abbiamo trovato. Ci sembra che esso rispecchi pienamente lo stato dell'anima che, guidata dal­lo Spirito Santo, ha percorso le varie tappe del Cammino e, giunta ormai al traguardo, contempla, con viva attesa, lo Sposo amato. 

Nessun commento:

Posta un commento