mercoledì 19 novembre 2014

IL DONO E LA PROMESSA


Il dono e la promessa

Il riconoscimento cristiano del nuovo ordine della salvezza rivelato nella morte e resurrezione di Gesù si è subito espresso nella pratica del battesimo. 

Il battesimo non è un’invenzione cristiana; Giovanni praticava già un “battesimo di penitenza per la remissione dei peccati”. 

Questo battesimo aveva un carattere eminentemente escatologico; esprimeva cioè l’attesa imminente degli ultimi tempi, della venuta del “giorno del Signore”, del giudizio del mondo da parte di Dio e l’instaurazione del suo regno.

Il battesimo di Gesù si differenzia da quello di Giovanni in quanto dona lo Spirito Santo da adesso: lo Spirito come dono dell’amore di Dio, del suo perdono e della sua pace, della sua vita e della sua santità. 

Il giorno di Pentecoste Pietro invita coloro che si pentono a “farsi battezzare nel nome  di Gesù Cristo per la remissione dei peccati; dopo riceverete il dono dello Spirito Santo” (At 2,38). 

Questo dono è identificato con la remissione dei peccati ottenuta dal battesimo, secondo il potere conferito agli apostoli da Gesù risorto: “Ricevete lo Spirito Santo; 

a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi” (Gv 20,22-23). Il battesimo cristiano è vissuto come partecipazione alla morte e alla resurrezione di Gesù Cristo (Rm 6,3-4).


Dono attuale, e dunque remissione dei peccati,il battesimo conserva tuttavia il suo carattere di promessa escatologica. 

Infatti, se possiamo dire che Dio “ci ha già risuscitato e fatto sedere nei cieli” (Ef 2,6), è chiaro che non potremo godere della vita eterna se non dopo la nostra morte, nella speranza che “colui che ha risuscitato Gesù dai morti donerà la vita anche ai nostri copri mortali mediante lo Spirito che abita in noi” (Rm 8,11).

La remissione dei peccati è rivolta al futuro anche in un altro senso: il battezzato, che vive della vita nuova, fa tuttavia continuamente l’esperienza della fragilità che minaccia continuamente di fargli perdere la grazia ricevuta. 

E d’altra parte egli rimane legato alla creazione intera che “geme e soffre nelle doglie del parto” (Rm 8,22-23) e alla storia degli uomini e all’aspetto “politico” della remissione dei peccati che lo impegna a lavorare per un futuro di solidarietà e di fraternità.

Nessun commento:

Posta un commento