martedì 9 dicembre 2014

COMUNIONE EUCARISTICA



Ricevere il Corpo e il Sangue di Cristo presenti nell'Eucaristia per la nostra salvezza.

Nella Comunione, preceduta dalla preghiera del Signore e dalla frazione del pane, i fedeli ricevono " il pane del cielo " e " il calice della salvezza ", il Corpo e il Sangue di Cristo che si è dato " per la vita del mondo " (Gv 6,51).

Pressante invito del Signore a riceverlo nel Sacramento eucaristico.

Il Signore ci rivolge un invito pressante a riceverlo nel sacramento dell'Eucaristia: 

" In verità, in verità vi dico: se non mangiate la Carne del Figlio dell'uomo e non bevete il suo Sangue, non avrete in voi la vita " (Gv 6,53).

Per ricevere l'Eucaristia è necessario essere senza peccato mortale.

Per rispondere a questo invito dobbiamo prepararci a questo momento così grande e così santo. San Paolo esorta a un esame di coscienza (...) (1 Cor 11,27-29). 

Chi è consapevole di aver commesso un peccato grave, deve ricevere il sacramento della Riconciliazione prima di accedere alla Comunione .

Obbligo, per precetto della Chiesa, di comunicarsi, almeno, una volta l'anno, e raccomandazione che si riceva l'Eucaristia durante la messa domenicale.

La Chiesa fa obbligo ai " fedeli di partecipa alla divina Liturgia la domenica e le feste " (OE 15) e di ricevere almeno una volta all'anno l'Eucaristia, possibilmente nel tempo pasquale (cf CIC, can. 290), preparati dal sacramento della Riconciliazione. 

La Chiesa tuttavia raccomanda vivamente ai fedeli di ricevere la santa Eucaristia la domenica e i giorni festivi, o ancora più spesso, anche tutti i giorni.

Frutti della Comunione eucaristica sono:

La vita in Cristo ha il suo fondamento nel banchetto eucaristico: 

" Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia di me vivrà per me " (Gv 6,57).


La crescita della vita cristiana richiede di essere alimentata dalla Comunione eucaristica, pane del nostro pellegrinaggio, fino al momento della morte, quando ci sarà dato come viatico.

Nessun commento:

Posta un commento