giovedì 15 gennaio 2015

QUALITA' DELLE PENE ETERNE


Qualità delle pene eterne


Si compirà dunque integralmente quello che Dio ha annunziato per il suo profeto a proposito dell'eterno supplizio dei dannati: 
"Il loro verme non morrà e il loro fuoco non si estinguerà" (cfr Rom 11,17-24)... 
"Chi c'è che subisce scandalo senza che io ne arda?" (2Cor 11,29)... sta scritto 
"Come la tarma rode il vestito e il tarlo il legno, così la tristezza rode il cuore dell'uomo" (Prov 25,20).
Si legge infatti nelle Scritture dell'Antico Testamento: "Il fuoco e il verme puniranno la carne dell'empio" (Eccl 7,17). 
Forse la Sacra Scrittura volle dire che puniranno la carne, perché nell'uomo sarà punita la colpa di essere vissuto secondo la carne, e perciò subirà la morte seconda significata dall'Apostolo quando disse: 
Se vivrete secondo la carne morirete" (Rom 8,13).
Se il fuoco non sarà incorporeo come lo è il dolore dell'anima, ma corporeo, funesto al tatto in modo da poter torturare i corpi, come potrà servire da pene anche per gli spiriti maligni? 
Il medesimo fuoco infatti sarà assegnato come supplizio agli uomini e ai diavoli perché il Cristo ha detto:
"Via da me, maledetti, nel fuoco eterno preparato per il diavolo e per gli angeli suoi" (Mt 25,41).

Direi, senz'altro che questi spiriti bruceranno senza alcun corpo, così come bruciava nell'inferno quel ricco quando esclamava: "Brucio in questa fiamma" (Lc 16,24)... 
Quella Geenna, chiamata anche "Stagno di zolfo e fuoco", (Ap 20,10) sarà un fuoco corporeo e tormenterà i corpi dei dannati, sia i corpi solidi degli uomini sia quelli aerei dei demoni... 
Unico infatti sarà il fuoco per gli uni e per gli altri, come ha detto la stessa Verità. (Cfr Mt 25,41).

Nessun commento:

Posta un commento