domenica 20 novembre 2016

L'INTELLETTO


L’INTELLETTO
Il termine viene dal latino (intus-legere) e significa ‹‹penetrare in profondità››. Questo dono ci aiuta ad arrivare al cuore delle cose, non rimanendo nella superficialità.
Oggi noi viviamo in una società consumistica e superficiale, dove l’importante è apparire. Mille informazioni ci vengono date, spesso contrastanti; diventa per noi difficile distinguere il vero dal falso, l’essenziale dall’inutile.
Viviamo in un tempo in cui trionfa l’apparenza e non la sostanza. Tutto ciò non fa altro che creare confusione con il pericolo di allontanarci da Dio.
Dobbiamo fermarci e riflettere, per evitare di venire travolti da tutto questo. In questo non siamo soli: c’è lo Spirito Santo a guidare e a sostenere i nostri sforzi mediante il dono dell’Intelletto.
Ci rende “intelligenti”, capaci di riflessione e ci giuda a vedere le cose nel modo giusto, ci guida verso la saggezza. Ci ricorda che ciò che conta non è l’apparenza ma la sostanza.
Il dono dell’Intelletto ci mette in guardia perché non cadiamo nella trappola di chi sostiene che essere belli è un dovere. Nostro dovere non è l’essere belli, ma l’essere saggi, virtuosi e buoni. Questo ci permetterà di diventare per gli altri una luce, un esempio.
Pensiamo a Madre Teresa di Calcutta: aveva una faccia rugosa, ma il suo cuore era così grande e pieno d’amore che tutti noi la sentivamo vicina, come una sorella o una madre; lei aveva uno sguardo e un sorriso più affascinanti di tutte le modelle o attrici considerate delle star o delle “bellissime dell’Olimpo”.
Con questo dono, lo Spirito Santo rende acuto il nostro sguardo, dandoci la capacità di andare oltre quello che vedono tutti, cogliendo quanto Dio silenziosamente, ma efficacemente, sta operando nella vita di ciascuno di noi e nella storia dell’umanità.
Lo Spirito Santo ci rende intelligenti alle cose di Dio; attraverso questo dono, il cristiano comprende ciò che Lui ha voluto farci sapere e capirne il significato più profondo.
L’Intelletto dunque non è l’intelligenza come la intendiamo noi (saper risolvere problemi difficili, le espressioni, capire e commentare poesie): è un’intelligenza secondo Dio.
L’Intelletto ci insegna che non ci basta sapere sempre più cose: questo è sicuramente utile per la nostra cultura, ma non possiamo accontentarci di questo, non possiamo fermarci qui (alla superficialità).
Il dono dell’Intelletto coinvolge non solo la mente ma anche il cuore, la volontà, la passione e l’azione.
Per gli antichi Ebrei la sede dell’Intelletto non era il cervello, ma il cuore: la conoscenza che si raggiunge con il cuore è più profonda di quella fredda del cervello.
Inoltre, chi vive accogliendo questo dono si rende conto che la vita è sempre un misto di vittorie e sconfitte, di gioie e dolori. Si riesce a capire il modo di agire di Dio, che è diverso dal nostro.
L’Intelletto è strettamente legato alla fortezza, che gli darà la capacità di portare avanti le scelte.
L’Intelletto è un dono per: riflettere meditare contemplare andare in profondità
Leggere in profondità equivale a guardare con gli occhi di Dio (solo lui sa guardare nel nostro intimo, capire le situazioni e portare luce dove ci sono ombre).
Chi impara a leggere impara anche a comunicare e a comprendere i disagi e le emozioni di chi gli sta vicino. Chi legge nel profondo, nel profondo comunica, usando il linguaggio dell’amore: il linguaggio dell’amore non è fatto di parole.
IL DONO DELL’INTELLETTO 

Quello dell’Intelletto è i l dono della «profondità» contro la «superficialità»; il dono dell'«essere» contro l'«apparire».

Quello dell’intelletto è il dono che mi dice: «Usa il cervello»! 

Mi ammonisce: Sii saggio! Infatti, anche se un asino appare  mille volte in televisione, non potrà diventare mai un cavallo!

In sintesi il dono dell’Intelletto dà luce alla mente umana per penetrare la realtà che ci circonda e capirne il valore e il significato. 

Questo dono ha lo scopo di aiutare a comprendere il vero senso delle cose, ricercandone la verità, affinché non ci fermiamo alla semplice apparenza. È una sorta di approfondimento degli avvenimenti alla luce della Parola di Dio.

Nessun commento:

Posta un commento