sabato 28 gennaio 2017

LA PIETA'


LA PIETÀ

Il termine pietà deriva dal latino (pietas) e significa ‹‹amore dei figli verso il padre››.

Come abbiamo detto all’inizio questo dono non compare nel testo ebraico di Isaia, ma lo troviamo nella traduzione in greco dell’Antico testamento fatta nel II secolo a.C.. Se riflettiamo sul termine pietà, ci viene in mente la compassione, la misericordia (es. ‹‹abbi pietà di me››, ‹‹ho pietà di›› ...). 

Nella Bibbia invece Pietà esprime l’attaccamento filiale (la cui allusione più alta è a Dio).

Questo dono ci aiuta a cambiare la nostra mente e il nostro cuore, per poter vivere la condizione di figli non come un limite, ma come una meravigliosa esperienza di crescita nell’amore sia in famiglia che con Dio.

Con il dono della Pietà, lo Spirito Santo ci guida a scoprire la bontà paterna di Dio e a vivere di questa verità. Credere veramente che Dio è il Padre che ci ama dà a noi grande forza, vera gioia e vera pace, e rende vivibile la vita, accettando anche la sofferenza e la morte.

Questo dono ci fa scoprire il volto paterno di Dio in tutti gli avvenimenti della vita (quelli sereni e quelli tragici), ci aiuta a fidarci di Lui, proprio come un bambino piccolo si sente totalmente sicuro tra le braccia della mamma o del papà.

È un dono che coinvolge volontà, azione, sentimenti delle persone. È una sensibilità del cuore, quello stesso cuore di carne che Dio ha messo al posto del cuore di pietra. Diventa così importante perché prepara il terreno per tutti gli altri doni.

È cuore capace di ascoltare la Parola del Signore e far sì che diventi ciò che muove le nostre azioni. Ci aiuta a sentire Dio come un vero Padre, a farci dire come Gesù: Abbà.
Questo nostro rapporto filiale con Dio, cambia anche il nostro rapporto con gli uomini: ci fa sentire vicini agli altri, ci fa sentire tutti fratelli.

Lo Spirito Santo infonde in noi il dono della Pietà, per renderci capaci di capire di avere un estremo bisogno di Dio.
Ci rende consapevoli del nostro essere creature Sue, capendo quanto sia importante credere in Lui.

Capiamo che Dio ci è Padre, e che ci educa all’Amore, al vero AMORE, quello gratuito che non conosce ricompensa, l’Amore come dono.

È il dono che ci fa sentire sicuri e protetti, che ci allontana dagli idoli e ci dice che Dio è uno solo.

La Pietà riempie il nostro cuore di tenerezza e di amore verso Dio, avendo la certezza che solo Lui ci ricompenserà. Ci aiuta ad innamorarci di Lui.

Avere Pietà significa sostenere (tenere su), comprendere (prendere con), condividere (dividere con), essere compagno (dividere e mangiare lo stesso pane). La vera Pietà si vede quando ci facciamo carico dei bisogni della nostra famiglia, amando Dio nel prossimo che ci ha messo accanto, percorrendo la strada assieme a lui e sollevandolo nelle difficoltà.

La Pietà è un dono per: credere all’amore di Dio riconoscere Dio come unico imparare ad amare essere uno strumento accordato.

IL DONO DELLA PIETÀ

Il dono della Pietà  porta a fidarci di Dio con lo stesso abbandono di un bambino che si sente sicuro tra le braccia del papà anche quando è sospeso sull'abisso.

padre che è come il mare: regge chi gli si abbandona, padre che è l'ultimo a lasciarsi impressionare dalle mie sbandate, padre che asciugherà ogni lacrima.


In sintesi il dono della Pietà infonde l’amore filiale e la devozione verso Dio, ci fa sentire amati, pensati da Dio e assistiti dalla sua Provvidenza. 

Riconoscendo la paternità di Dio, ci abbandoniamo alla sua volontà e siamo spinti ad andare incontro ai fratelli che sono nel bisogno, nei quali vediamo il volto di Gesù. 

La Pietà ci aiuta a passare dalla ‹‹liturgia culturale››, dove siamo chiamati a dare lode a Dio, attraverso l’ascolto della Sua Parola e la celebrazione dei Sacramenti, alla ‹‹liturgia della vita››, dove, quotidianamente, siamo chiamati a mettere in pratica la Parola di Dio nei riguardi dei fratelli.

Nessun commento:

Posta un commento