venerdì 8 settembre 2017

DOVERI VERSO IL PROSSIMO E NOI STESSI


DOVERI VERSO IL PROSSIMO E VERSO NOI STESSI


- Hai amato, rispettato e obbedito ai genitori e ai superiori?
- Hai dato loro gravi dispiaceri?
- Hai dato una buona educazione e un buon esempio ai tuoi figli?
- Hai provveduto affinché i tuoi figli ricevessero una formazione cristiana (per esempio la catechesi) e i Sacramenti?
- Hai accolto e rispettato la vocazione dei figli o l'hai ostacolata o impedita?
- Hai provveduto affinché i tuoi familiari o amici, gravemente malati, ricevessero gli ultimi Sacramenti (Confessione, Viatico e Unzione degli Infermi)?
- Hai compiuto con diligenza i doveri del tuo stato?
- Hai salvaguardato l'indissolubilità del matrimonio?
- Hai commesso adulterio?
- Hai trattato male i tuoi dipendenti?
- Hai osservato le leggi civili?
- Hai fatto obiezione di coscienza alle leggi civili contrarie alla Legge di Dio?
- Hai procurato o favorito o consigliato l'aborto?
- Hai mancato di rispetto verso i più deboli?
- Hai soccorso i poveri, i bisognosi, i malati ecc. ?
- Hai odiato il tuo prossimo; gli hai desiderato o augurato il male?
- Hai lasciato che l'ira avesse il sopravvento nelle tue parole e azioni?
- Hai rancore verso qualcuno?
- Hai esagerato nel mangiare e nel bere, ubriacando­ti?
- Hai fatto uso di droghe pesanti o leggere?
- Hai fumato troppo?
- Hai guidato con imprudenza mettendo a repenta­glio la vita tua o altrui?
- Hai nutrito volontariamente pensieri di gelosia e di invidia?
- Hai acconsentito volontariamente a pensieri, desi­deri e sguardi contrari alla castità?
- Hai letto libri immorali o riviste pornografiche?
- Hai assistito a spettacoli immorali?
- Hai frequentato compagnie pericolose?
- Hai fatto o ascoltato discorsi cattivi o maliziosi?
- Hai dato scandalo, provocando al peccato, con il parlare, con il tuo modo di vestire o in qualche altro modo?
- Hai cercato volontariamente occasioni di peccato?
- Hai commesso atti impuri da solo o in compagnia?
- Hai impedito in qualche modo il concepimento nel­l'atto coniugale?
- Hai fatto ricorso alla sterilizzazione?
- Hai rubato? Il valore era esiguo o elevato?
- Hai restituito quanto hai rubato o trovato?
- Hai imbrogliato nel vendere, nel comperare o nel lavoro?
- Hai riparato il danno recato al prossimo?
- Hai pagato i tuoi debiti?
- Hai retribuito con giustizia ed equità i tuoi dipen­denti?
- Hai usato male il denaro?
- Hai detto bugie?
- Hai gravemente pregiudicato gli altri con la men­zogna?
- Hai violato i segreti ricevuti?
- Hai avuto contegni ipocriti o poco trasparenti con il tuo prossimo?
- Hai pensato o parlato male degli altri?
- Hai calunniato qualcuno?
- Hai tenuto un contegno superbo, ambizioso, orgo­glioso, vanitoso ed egoista?
- Hai il cuore attaccato alle cose di questo mondo?
 

PREGHIERE


Formule che il fedele può utilizzare per esprimere il proprio atto di pentimento durante la celebrazione della Confessione.

ATTO DI DOLORE - Mio Dio, mi pento e mi dolgo con tutto il cuore dei miei peccati, perché pec­cando ho meritato i tuoi castighi, e molto più perché ho offeso Te, infinitamente buono e degno di essere amato sopra ogni cosa. Propongo col tuo santo aiuto di non offenderti mai più e di fuggire le occasioni prossime di peccato. Signore, misericordia, perdonami.
O Gesù d'amore acceso, non ti avessi mai offeso! O mio caro e buon Gesú, con la tua santa grazia non ti voglio offender più né mai più disgustarti, perché ti amo sopra ogni cosa. Gesú mio, misericordia, perdona­mi.
O Gesù mio, misericordia, perdonami!
Gesù, Figlio di Davide, abbi pietà di me peccatore.
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo, lavami nel tuo Sangue da ogni peccato.
Gesù ti amo, perdonami!

LA COSA PIU’ IMPORTANTE

nel Sacramento della riconciliazione è che Cristo abbia un ruolo di primo piano nel sacramento,
PERCHE’ il Sacramento non è solo un atto umano, ma è un atto divino.
PERCHE’ il Sacramento è essenzialmente azione dì Cristo.
LA COSA PIU’ IMPORTANTE nel Sacramento della riconciliazione
NON sono i nostri peccati
NON neppure il nostro pentimento
NON l'accusa
NON il confessore che accoglie l'accusa
MA L’INCONTRARSI CON CRISTO. 

RICEVERE BENE IL SACRAMENTO
significa:
incontrarsi veramente con Cristo
· essere toccati dalla sua potenza guaritrice
· tornare al Padre accompagnati da Cristo
· essere riconciliati al Padre per mezzo di Cristo
· essere ricreati dalla vitalità dello Spirito Santo
LA NOSTRA RESPONSABILITA’ nel sacramento è racchiusa tutta in una parola:

CONVERSIONE
PERCHE’
· è solo questo che opera la rottura col male
· è solo questo che esprime la buona volontà dell'uomo
· è solo questo che Gesù chiede all'uomo
· è solo questo infatti lo scopo supremo dell'incarnazione, passione e morte di Cristo
questo il dono più straordinario di Dio all'uomo.

CONVERSIONE:

DI DOVE COMINCIARE
DISORDINI
- dove c’è un disordine mettere ordine con la forza di Cristo
PIAGHE
- dove il disordine ha fatto piaga curare la piaga, con la forza di Cristo
RESPONSABILITA’ TRADITE
- dove c'è una responsabilità tradita, ripararla con la forza di Cristo.
TIENI PRESENTE
NON: "mi pento e lui mi perdona"
MA: "lui mi ama e mi perdona sempre, perciò mi pento".
E' sempre Cristo che deve essere al centro del Sacramento.
L'amore di Cristo che rivela e attua il perdono di Dio: questo è il Sacramento.
Prova a “leggere” il Sacramento in una di queste pagine: Lc. 7, 36~50 Lc.15, 11-32

Mt.18; 21-35 Lc.19, 1-10 Gv. 8, 1-11.

Nessun commento:

Posta un commento